Lattughe

zuccarella_iceberg

TUTTO IL FRESCO DA NOVEMBRE A FEBBRAIO.

La lattuga (Lactuca sativa) è l’ortaggio a foglia più diffuso in Italia. Le sue coltivazioni occupano infatti una superficie di circa 24.500 ha (Istat 2013). Zuccarella – Fattorie Ortofrutticole produce lattuga romana e iceberg.



LATTUGA ROMANA MESSAPIA
Varietà della tipologia romana con pianta rustica, vigorosa, forte, ideale per colture primaverili, autunnali e invernali, resistente al freddo. Ha cespo di peso elevato con foglie spesse di colore verde scuro brillante, a margine liscio e superficie bollosa. Viene generalmente consumata cruda in insalata ma può anche essere brevemente lessata a vapore. Disponibile da novembre a febbraio.

LATTUGA ROMANA BACIO
Varietà della tipologia romana è una pianta molto voluminosa con fogliame liscio, brillante e croccante. Fondo arrotondato e pieno. Il cespo può raggiungere il peso di 700 grammi. Disponibile da novembre a febbraio.


LATTUGA ICEBERG
L’insalata Iceberg fa parte delle verdure a foglie ed è originaria degli Stati Uniti. I cespi sono compatti e chiusi di forma tonda. Le foglie croccanti sono larghe e turgide con i margini leggermente frastagliati e cuore a palla di colore verde chiaro. Ha un peso che varia dai 400 ai 550 g. Disponibile da novembre a gennaio.


RICETTA
Crema di lattuga e menta

zuccarella_lattuga_01Ingredienti: 1 cespo di lattuga, 1 cipolla, 1 l di brodo di pollo, 30 g di burro, 2 cucchiai di panna, foglie di menta, sale e pepe q.b., crostini di pane.
Preparazione: in un tegame fondi il burro e insaporisci la cipolla tagliata a fettine sottili. Aggiungi la lattuga a listarelle, fai insaporire per alcuni minuti. Versa il brodo, sala, pepa e lascia sobbollire cinque minuti. Aggiungi 15 foglioline di menta fresca, mescola, toglila dal fuoco e frulla. Versa il frullato nella casseruola, aggiungi la panna, scalda un po’ e servi con crostini di pane tostato.

PROPRIETÀ DELLA LATTUGA

zuccarella_lattuga_02
B2 e B3). Contiene minerali quali calcio, magnesio, potassio e sodio. Ha una buona concentrazione di ferro utile per chi soffre di anemia. È ricchissima di fibre, insostituibile per chi ha problemi di transito intestinale e stitichezza.

RIMEDIO PER LA CURA DELLE IRRITAZIONI DELLA PELLE

zuccarella_lattuga_05

Prova costume? Con sole 15 calorie per 100 g la lattuga ti tiene in forma tutto l’anno!

Filly_lattuga_zuccarella

L’EFFETTO “MIN” DELLA LATTUGA


lattuga_egitto
La risposta arriva dal paleobotanico italiano Giorgio Samorini, specialista di piante e composti psicoattivi e direttore della rivista Eleusis, edita dal museo Civico di Rovereto (Trento). Samorini ha preso in esame la lattuga selvatica (Lactuca serriola) che gli egizi coltivavano almeno fin dal IV-III millennio a.C. e con la quale produssero, per selezione, le varie specie di lattughe che noi tutt’oggi mangiamo. Con una serie di auto sperimentazioni ha verificato che assumendo fino a 1 grammo di lattucario, il lattice che affiora dagli steli recisi, prevalgono gli effetti sedativo analgesici dovuti alla presenza di sostanze come lattucina e lattupicrina. A dosi maggiori, cioè 2 o 3 grammi, prevale invece l’effetto afrodisiaco. Queste differenti reazioni dovute al diverso dosaggio possono spiegare perché in Europa, essendo noti solo gli effetti analgesici e simil oppiacei, prevalse per secoli l’idea che la pianta avesse la capacità di spegnere gli ardori sessuali degli adulti e di favorire il sonno dei più piccoli. In Egitto invece sembra che Min abbia lasciato qualche ricordo ed è opinione diffusa che chi mangia tanta lattuga avrà tanti figli.

COME CONSERVARLA

zuccarella_lattuga_03Riposta asciutta in frigo si mantiene per oltre una settimana. Inoltre è bene tenerla lontano da mele, banane o pere, perché l’etilene emesso dalla frutta può far imbrunire le foglie. Non congelarla: a causa dell’elevato contenuto d’acqua, una volta scongelata perde consistenza e risulta immangiabile.